Mela opal

logo mela opalLa nuova mela gialla. E’ in grado di sorprendere con la sua struttura soda e croccante e si candida come assoluta novità nella categoria delle mele gialle. La caratteristica rugginosità conferma l’autenticità di Opal.

Una preziosa occasione di consumo. Amata dai bambini per la sua dolcezza è ancor più apprezzata da mamme e papà come merenda da portare a scuola o alle attività visto che, una volta sbucciata e tagliata, la polpa rimane bianca a lungo.

Una storia curiosa. La varietà UEB 32642, che assume il nome commerciale di Opal, nasce in Repubblica Ceca che all’epoca della “Cortina di ferro” doveva ricorrere all’autarchia alimentare. Al fine di sostituire la fonte di vitamina C fornita dagli agrumi che non potevano essere né coltivati, né importati, i breeder locali lavorarono su una mela che potesse supplire, in termini di contenuto antiossidante, alle arance. Questa è la ragione per cui, anche dopo essere stata tagliata ed esposta all’aria, la polpa della mela Opal rimane bianca per alcune ore. Michael Weber l’ha portata in Italia dove nei frutteti a ridosso delle Alpi ha trovato il suo ambiente ideale.

Zona di coltivazione. In Italia: Piemonte e Trentino Alto Adige. La produzione della mela Opal avviene in aziende agricole a conduzione famigliare che hanno come obiettivo la sostenibilità.

Profilo organolettico. Un gusto intenso e complesso che rivela note aromatiche di mango, pera e mela cotogna.

Scarica la brochure

Lingua